COMUNE DI ALPETTE

Comune
Alpette è un paesino all’inizio della Valle Orco a circa 1000 metri s.l.m. alle porte del Parco Nazionale del Gran Paradiso, incastonato nel verde dei boschi e dei pascoli. Il capoluogo e le numerose frazioni si ergono su un piacevole altopiano erboso e costituiscono un punto panoramico molto suggestivo, dal quale lo sguardo può spaziare sulla Valle dell’Orco e sul Massiccio del Gran Paradiso.
Il nome deriva dalla forma plurale del diminutivo alp "pascolo d’alta montagna con abitazioni di pastori e ricoveri di mandrie" (Olivieri), che localmente continua nell’uso e che viene fatto risalire al celtico da una radice al, "nutrire", donde anche la denominazione delle Alpi.

Già abitato in epoca celtica e preromana, per molto tempo fu un borgo senza autonomia collegato al comune di Pont Canavese con cui condivise le vicende storiche del Medioevo durante il quale ebbero giurisdizione i conti di Valperga.
Alpette alla metà del sedicesimo secolo desiderava staccarsi da Pont e diventare paese autonomo, ma Pont non era d’accordo e nel 1622 il consiglio comunale pagò al Ducale 200 ducatoni perchè ciò non avvenisse, ma finalmente il 15 ottobre del 1773 ottenne l’autonomia e la fondazione a comune ma dovette rimborsare a Pont i 200 Ducatoni del 1622. La chiesa aveva invece già concesso l’autonomia parrocchiale il 26 luglio 1609 dal Vescovo di Ivrea.
Il maggior problema di Alpette però era l’isolamento per la mancanza di vie di collegamento agevoli, finalmente nel 1889 nacque una strada carrozzabile che si integrò alle antiche mulattiere, che nel 1964 venne ampliata e modernizzata come la si vede oggi.

In passato la quieta bellezza dell’altopiano su cui sorge il paese ha richiamato alcune personalità di spicco. Si concessero infatti un periodo di villeggiatura ad Alpette non soltanto Gaudenzio Ferrari, ma anche la regina Elena di Savoia ed il famoso autore di romanzi d’avventura Emilio Salgari.

Oggi questo grazioso centro alpestre offre la possibilità di effettuare semplici escursioni e passeggiate immergendosi nella pace di pascoli verdissimi e di boschi ombrosi. Fra le possibili mete, di particolare interesse la frazione Nero , raggiungibile anche in auto, presso la quale è situato un valido impianto di risalita che alimenta il turismo invernale.

Alpette offre anche il polo astronomico "Don Giovanni Capace" costituito dall’osservatorio e dal planetario.
Contacts