CASTELLO E PARCO DI MIRADOLO

Castello

Il Castello, già menzionato in documenti del XVII e XVIII secolo e ristrutturato nel 1866 secondo un gusto neogotico, è oggi sede di mostre temporanee, concerti, spettacoli, attività didattiche e formative. Sede della Fondazione Cosso, il Castello di Miradolo e il suo Parco storico si trovano accanto alle colline pinerolesi da dove si gode una vista suggestiva sul Monviso.
L’antica dimora è costituita da una parte nobiliare e da una zona rustica, che tra la fine del Settecento e l’inizio dell’Ottocento assunsero una conformazione molto simile all’attuale.
Dagli anni Venti dell’Ottocento il Castello e il suo Parco vissero la loro epoca d’oro con "Babet", Maria Elisabetta Ferrero della Marmora, sposa del marchese Maurizio Massel e donna di grande personalità e intraprendenza.
Nel 1866, in occasione del matrimonio della nipote, Teresa Massel, con Luigi Cacherano di Bricherasio, il Castello venne rinnovato e decorato in stile neogotico, come ancora oggi possiamo osservare.
Dall’unione di Teresa e Luigi, nacquero Sofia ed Emanuele. Quest’ultimo, morto prematuramente nel 1904, in circostanze misteriose, fu uno dei soci fondatori della FIAT e maggiore azionista. Sofia, ultima discendente della famiglia, fu allieva del pittore Lorenzo Delleani, ospite abituale del cenacolo culturale sorto attorno alla contessa. Il famoso Capitano di Cavalleria Federico Caprilli frequentò il Castello di Miradolo fin dagli anni in cui si formò alla Scuola Militare di Cavalleria di Pinerolo, insieme all’amico Emanuele Cacherano di Bricherasio.
Un meraviglioso Parco storico di oltre sei ettari circonda il Castello e si sviluppa intorno a un grande prato centrale sul quale si affacciano boschetti e anse di rigogliosa vegetazione. Il progetto originario risale al Settecento ma è nel secolo successivo che i confini del Parco si ampliarono e l’assetto venne ridefinito, secondo il gusto romantico. Nello stesso periodo venne costruita una bellissima Citroniera con decorazioi neogotiche. Nel giardino si distinguono oggi specie arboree esotiche, esemplari maestosi e centenari, oltre a un bosco di bambù giganti, camelie, magnolie, rose e una collezione di ortensie storiche.


NORME DI SICUREZZA:
Per la visita della mostra e del parco gli ingressi avvengono solo su prenotazione*.
A tutti i visitatori viene misurata la temperatura. Se superiore a 37.5°C, non è possibile effettuare la visita.
Alla biglietteria può accedere un unico nucleo familiare per volta: si raccomanda di attendere in coda il proprio turno, mantenendo la distanza di sicurezza e le indicazioni fornite dal personale preposto all’accoglienza. In caso di necessità, l’attesa del proprio turno per accedere alla biglietteria del Castello avviene all’aperto.
Si raccomanda di preferire pagamenti tramite bancomat o carta di credito all’utilizzo dei contanti.
Durante la visita, per l’intera permanenza nella struttura, è necessario evitare assembramenti e mantenere la distanza interpersonale di minimo 1 m.
L’uso della mascherina è obbligatorio, in particolar modo per accedere alla biglietteria, alle sale espositive ed ai servizi – Caffetteria, bookshop, servizi igienici – avendo inoltre cura di igienizzare preventivamente le mani.
Il servizio di audio guida per la visita del parco è possibile con due modalità: tramite l’apposito dispositivo in consegna, da utilizzare con cuffie/auricolari propri, oppure grazie a un sistema QR code, da utilizzare con il proprio smartphone. Tutti i dispositivi di supporto vengono sanificati dopo ogni utilizzo.
Dal 6 agosto 2021, per poter accedere alle mostre e al Parco, sarà necessario essere in possesso del Green Pass, o di un certificato che attesti la guarigione dall’infezione da Sars-CoV-2 (validità 6 mesi), o in alternativa l’ effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus Sars-CoV-2 (con validità 48 ore).
Queste disposizioni non si applicano ai soggetti esclusi per età dalla campagna vaccinale (minori di 12 anni) e ai soggetti esenti sulla base di idonea certificazione medica rilasciata secondo i criteri definiti con circolare del Ministero della salute.

*Per prenotare:

Chiamare il n. 0121 502761 o scrivere all’indirizzo prenotazioni@fondazionecosso.it indicando giorno, orario, numero di persone, se si possiede tessera Abbonamento Musei e relativo numero di tessera. La prenotazione verrà considerata valida a seguito della ricezione di e-mail di conferma da parte della Segreteria della Fondazione Cosso.
Prenotazioni telefoniche dal lunedì al venerdì, ore 10/12 e 14/18; sabato e domenica, ore 10/19.

Clicca qui per conoscere tutte le raccomandazioni per una visita in sicurezza, secondo la normativa vigente.

Contatti
Via Cardonata 2, 10060 San Secondo di Pinerolo (TO)

44.8741415, 7.3100322

Tariffe
  • € 12,00
    Ridotto
    Convenzioni
    compreso tra 14 e 26 anni, gruppi, maggiore 65 anni
  • € 7,00
    Ridotto
    comprensivo di kit didattico
    compreso tra 6 e 14 anni
  • Gratuito
    compreso tra 0 e 6 anni, possessori di Abbonamento Musei, possessori Torino+Piemonte Card
  • € 5,00
    Intero solo parco
  • € 2,00
    Ridotto
    comprensivo di kit didattico
    compreso tra 3 e 6 anni
  • € 15,00
    Intero
    incluso audio guida doppia mostra + parco
  • € 35,00
    Tariffa famiglia
    sopra i 6 anni
    2 adulti + 2 bambini
  • € 5,00
    Intero
    Carta Giovani Città di Pinerolo

Dal 16/05/2021 al 30/09/2021

  • Lun
    10:00 - 19:30
  • Ven
    10:00 - 19:30
  • Sab
    10:00 - 19:30
  • Dom
    10:00 - 19:30
Ultimo ingresso ore17,30.
Prenotazione obbligatoria.
Per informazioni e prenotazioni: Tel 0121 502761 e-mail prenotazioni@fondazionecosso.it
Indicare giorno, orario e numero di persone. Si riceverà e-mail di conferma dell'avvenuta prenotazione.

Dal 15/08/2021 al 15/08/2021

  • Dom
    10:00 - 19:30
Servizi
  • Bookshop
  • Punto Ristoro
  • Laboratorio didattico
  • Parcheggio
  • Guardaroba
  • Sala Conferenze
Accessibilità
Accessibilità fisica
Servizi igienici
Card e Prodotti