SANTUARIO DELLA MADONNA DEL BOSCO DI OZEGNA

Santuario
Il Santuario sorge a circa due chilometri dal centro abitato sul luogo dove, il 21 giugno 1623, il ragazzo muto Guglielmo Petro, ebbe la visione della Madonna, seguita dalla guarigione.
In seguito a questo fatto miracoloso, sul terreno donato dai Conti di San Martino signori del feudo, venne costruito prima il santuario e poi il convento che venne affidato ai Padri Francescani Riformati fino al 1802, quando, su ordinamento napoleonico, i frati vennero allontanati.
L’intero complesso rimase chiuso e venduto a privati.
Solamente nel 1873 il parroco don Lorenzo Coriasso lo acquistò riaprendolo al pubblico e al culto.
Sotto l’aspetto architettonico, la chiesa è un bell’esempio di primo barocco piemontese, notevoli gli altari lignei, molto elaborati, forse opera di intagliatori valtellinesi.
Sull’altare maggiore, che forma quasi un’iconostasi che separa la parte dedicata al culto da quella un tempo del coro (del quale sono ancora conservati alcuni grandi pannelli riportanti i versi di alcuni salmi su rigo musicale), è posta la statua lignea della Madonna e due dipinti di santi.
Una pala d’altare ricorda quella dipinta dal Caravoglia nel 1653 per una chiesa torinese e raffigura Gesù Bambino che appare a Sant’Antonio.
Sotto all’altare maggiore, c’è la cripta dove venivano inumati i frati.

Il santuario è aperto al culto (si officia in esso al mattino della domenica, nel periodo estivo). È sempre parzialmente visibile tutto l’anno; infatti si può accedere nella parte d’ingresso, sotto la balconata del coro, chiusa da una cancellata di ferro battuto posta nel 1921 in seguito ad un tentativo di furto.
Contatti
Piazza Convento, 10080 Ozegna (TO)

45.3465711, 7.7480787

Dal 05/09/2020 al 20/10/2020

    Sono previste visite guidate nel periodo 5 settembre - 20 ottobre 2020 con date in via di definizione a cura dell’Associazione ‘ L Gavason di Ozegna e della Parrocchia di Ozegna.